—–Premio Arti espressive .
L’A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) Sezione di Cattolica-Valconca (RN) organizza annualmente il Premio Arti Espressive “Mario Castelvetro” rivolto agli studenti delle Classi quinte delle Scuole elementari e delle Classi prime, seconde e terze medie delle Scuole secondarie attive sul territorio romagnolo e marchigiano, statali e parificate.
Il Premio è intitolato alla figura di Mario Castelvetro (1921/2007), insegnante, partigiano, politico.
Esso nasce e si sviluppa per essere uno strumento extra-scolastico integrativo nell’insegnamento didattico, con l’obbiettivo di stimolare e motivare lo svolgimento di un percorso di approfondimento storico e di educazione civica sui temi della democrazia, della solidarietà, della conoscenza critica in tutti i suoi aspetti, dei principi civici ed etici della società italiana, con particolare riferimento ai temi legati alla Resistenza ed alla Costituzione Italiana: il tutto interpretato attraverso i mezzi dell’espressione artistica.
A questi significati ed obiettivi, l’esperienza svolta dal Premio aggiunge un’occasione straordinaria di scoperta di sé, di sperimentazione delle proprie capacità di autonomia, di esperienza di un tempo globale e continuo di vita associata.
La partecipazione al Premio ha previsto sinora la produzione con tecniche libere di un’opera creativa letteraria, grafica o multimediale avente a soggetto un tema indicato dal Comitato organizzatore: il tema su cui verte il premio viene indicato ogni anno su indicazione del Comitato Direttivo A.N.P.I. di Cattolica e su suggerimento delle Scuole di riferimento: nel 2015, in occasione della celebrazione del 70° anniversario della Liberazione, è prevista una unica modalità produttiva, quella grafica (v. bando).
Tra tutti i lavori pervenuti sono selezionate tre opere da parte di un Giuria specializzata – cui si aggiunge un Premio Speciale – che vengono premiate in occasione delle celebrazioni della festa della Liberazione (25 aprile) ed esposte pubblicamente unitamente alle altre partecipanti.
Nel 2015 l’opera vincitrice sarà affissa nei comuni in cui almeno una scuola abbia aderito al Premio.
L’iniziativa è realizzata con il contributo del COMUNE DI CATTOLICA, di COOP ROMAGNA (main sponsor) e della BANCA DI CREDITO COOPERATIVA DI GRADARA (sponsor junior).

—–


TEMA della 8ª edizione (2015)

—–
Il 25 aprile 2015 si celebra il 70° anniversario della Liberazione dell’Italia dalla tirannide nazifascista ad opera delle forze partigiane, con il contributo fondamentale delle truppe alleate e delnuovo esercito italiano.Nella storia d’Italia, come nel Risorgimento, emerge la figura di uomini che prendono coscienza e volontariamente si uniscono per lottare nel nome dell’umanità, della giustizia e della libertà, con l’obbiettivo di fondare una società in cui tutti abbiano il diritto di vivere nell’uguaglianza dei diritti e dei doveri.

Riflettiamo sulla attualità della figura del partigiano e sulla Resistenza come atto di sostegno della pace e della democrazia, sulla attualità di quelle lotte passate, sulla forza di ideali per i quali si era disposti anche al sacrificio personale ma nel nome della vita altrui, sui valori ben espressi nella Costituzione italiana che in parte ancora attendono di essere pienamente realizzati.

A partire da queste considerazioni le classi partecipanti sono invitate a realizzare l’immagine di un manifesto celebrativo del 70° anniversario della Liberazione. 

—–

—–
—–

—–

1° PREMIO

– OLTRE IL FILO SPINATO

   Classe 3ª A
   Scuola media – Mondaino
   Insegnanti: Loretta Bellucci e Francesca Bagnoli (Italiano, Storia e Geografia)

L’immagine esprime con indubbia forza e drammaticità cosa sia stata nei fatti la Resistenza, evidenziandone il doloroso contributo di sangue,  rappresentando attraverso colori e contrasti molto forti la lotta partigiana nel suo svolgersi attraverso scenari di guerra, additando al nostro costante ricordo – come un promemoria –  ciò che l’Italia di oggi deve a quel passato.

L’immagine appare graficamente efficace ed è avvertibile la qualità che può essere ottenuta attraverso la collaborazione con un insegnante di materie artistiche, che rimane sempre da auspicare come metodo di lavoro di gruppo.
Da rilevare che, nel giudizio, la giuria nella sua maggioranza ha ritenuto opportuno valutare e privilegiare in questa occasione la efficacia grafica in funzione dello specifico utilizzo come manifesto dell’ANPI nel 70° della Liberazione.

—–

2° PREMIO

– IL FIORE DEL PARTIGIANO
   Classi 5ª B / C
   Scuola elementare “Repubblica” – Cattolica
   Insegnante: Rossana Rossetti

Gli ideali della Resistenza vengono raccolti e condensati attraverso i petali del ben noto “fiore del partigiano/ morto per la libertà” della canzone Bella Ciao a cui fanno da tenero ma significativo corollario due figure: quella del giovane uomo partigiano che dona quello stesso grandissimo fiore ad una “bambina” che impersona la Repubblica.

La giuria ha particolarmente apprezzato l’intera composizione grafica del quadro ed il chiaro ed efficace rapporto tra le figure ed i significati.

—–

3° PREMIO

– CUORI LIBERI OLTRE IL PONTE
   Classe 5ª B
   Scuola elementare “Carpignola” – Cattolica
   Insegnante: Romina Tontini

Una lunga ed articolata preparazione didattica ha portato a realizzare una immagine semplice e complessa allo stesso tempo, rappresentativa del percorso di approfondimento didattico svolto in classe per giungere al risultato.

La citazione di alcune frasi di Italo Calvino suggerisce un opportuno ampliamento oltre all’ambito grafico richiesto dal bando di concorso.

L’immagine delle armi “usate ma poi ripudiate” ovvero accartocciate appare infine di grande efficacia figurativa.

—–

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

– [Senza titolo, ovvero:] «25 APRILE 2015»
   Classe 3ª C
   Scuola media – San Giovanni in Marignano
   Insegnante:  Paolo Tonti

La giuria ritiene particolarmente apprezzabile la volontà di rilettura della lotta di Liberazione in chiave d’attualità, attraverso la rappresentazione di un gruppo di persone “diverse” per genere, per religione, per colore della pelle, per età, le quali, impugnando uno striscione contenente il tema dell’opera, ovvero la Liberazione, indicano la continuità di una lotta – ora pacifica – contro ogni genere di disparità e la fiducia verso un mondo migliore.

—–

Cattolica, 24 aprile 2015

—–

I MEMBRI DELLA GIURIA :

–   Valeria Belemmi
–   Anna Maria Bernucci
–   Raffaele Bersani
–   Maurizio Castelvetro
–   Giorgio Severi

—–


Annunci