Tratto dal Dizionario della lingua italiana di Leonardo Bendini, citato da Cesare De Simone nel suo libro Gli anni di Bulow (Mursia, 1996).

Il sostantivo latino corrisponde al greco mnème; non indica solo la facoltà di ricordare ma anche “avvenimento”, “fatto” o addirittura “epoca”, “età”, “complesso di eventi”. Rimanda infatti a maneo, ovvero “ciò che resta”, “ciò che dura”, che a sua volta rimanda alla radice sanscrita man e a quella indoeuropea men, ossia “uomo”, “vita”, insomma il persistere di una forma vitale.

Annunci